Archivi categoria: Istituzionale

Incontro tra l’Associazione Nazionale Unitre e la sindaca di Torino

Quest’oggi presso i prestigiosi saloni del Comune di Torino, in Piazza Palazzo di Città, l’Associazione Nazionale è stata ricevuta dalla sindaca della città Torino, Chiara Appendino. All’incontro erano presenti il Presidente Nazionale Gustavo Cuccini, il Vice Presidente Vicario Giorgio Chiosso, la Tesoriera Nazionale Marisa Occhetto ed il Dott. Simone Tosto della segreteria nazionale. Momento di presentazione ufficiale per il Presidente ed i rappresentati dell’Associazione Nazionale ed importante occasione per lo scambio di idee ed opinioni volto ad una sempre più proficua e costante collaborazione con l’amministrazione locale cui fa riferimento la Sede Nazionale.

 

Messaggio del Presidente Nazionale per l’apertura dell’a.a. 2018-2019

Alle UNITRE tutte, Ai Presidenti, ai Consigli Direttivi, agli Associati Docenti e Studenti, ai Volontari

Amiche e amici carissimi,

     il nuovo Anno Accademico 2018-2019 è ormai alle porte: rivolgo nell’occasione a tutti Voi un grato pensiero di affettuosa vicinanza nel momento in cui con  competente dedizione e  puro spirito di volontariato Vi apprestate a segnare le mete di un percorso teso a realizzare le nobili finalità dello Statuto che tutti avete condiviso nell’atto della Vostra associazione all’UNITRE.

   Nella programmazione delle Vostre attività accademiche, tenete sempre presenti i concetti forti di educazione permanente e ricorrente, di apertura al territorio, al diverso e al volontariato sociale e alimentate con perseveranza il dialogo tra le generazioni, con gli strumenti di quella cultura, viva e tarata sulla dimensione umana della persona, che avete a disposizione.

   Segno concreto della nostra idea progressista e dinamica di cultura sia una sempre maggiore apertura al mondo circostante e una attenta percezione dei repentini cambiamenti dei tempi cui ancorare, come un osservatorio sensibile, il nostro progetto di vita e di crescita interiore sempre ispirato a un sano criterio di naturalità.

   L’Associazione Nazionale Vi è e Vi sarà costantemente vicina.

   In questi anni di Presidenza ho concretamente toccato con mano, nei miei percorsi per le Sedi di tutta Italia, la ricchezza della Vostra offerta formativa e il calore del Vostro affetto. E’ stato per me un continuo arricchimento nello spirito e anche nei sentimenti: Vi confesso, amici carissimi, che la squisita gentilezza e l’affetto mostrati nei miei confronti in questi anni lasceranno un segno indelebile nel mio cuore.

  Ringrazio gli amici Presidenti che già in molti mi hanno invitato, e prevedo mi inviteranno, a presenziare alle Cerimonie di apertura dei Corsi: farò di tutto per essere in mezzo a Voi; l’Associazione Nazionale sarà comunque presente, dove possibile, con i due VicePresidenti, i Componenti l’Esecutivo e i Consiglieri Nazionali, ai quali ho rivolto a ciò una calda preghiera.

   Vi abbraccio con fraterna amicizia e invio calorosi auguri per un anno di fruttuoso volontariato in armonia e serenità.

           Gustavo Cuccini

Presidente UNITRE Nazionale

RELAZIONE- Assemblea generale 2018 AGE PLATFORM EUROPE

Ai lavori  del 6-7-8 Giugno dell’ Assemblea generale di Age Platform Europe hanno partecipato dieci Organizzazioni italiane, ( quasi il dieci per cento dei membri di Age Europe che rappresenta quaranta milioni di anziani dei vari Paesi europei), coordinate dalla scrivente e intervenute in modo corale e costruttivo nei dibattiti e nei lavori di Assemblea e di gruppo.

Il primo giorno, nel corso dell’ annuale Conferenza, condotta da docenti universitari, da dirigenti della Commissione europea e dalla portavoce delle Nazioni Unite per i diritti economici, sociali e culturali,  Virginia Bras Games, è emerso che , rispetto alla Convenzione sui diritti degli anziani, dei disabili, delle donne, esiste un “gap” di informazione ( molti sconoscono le opportunità offerte dalla Convenzione ONU e dalla Carta europea dei Diritti), sia a livello di singoli individui, sia a livello di Autorità locali e di Pubbliche Amministrazioni.

E’ apparso evidente , quindi, che occorre diffondere l’ Informazione e la Formazione sui Diritti previsti dagli Organismi internazionali creando consapevolezze, facendo pressione sui decisori politici affinchè lo Stato si rapporti con la Società civile con le Organizzazioni degli anziani, monitorando le Politiche nazionali e locali per una efficace e puntuale APPLICAZIONE delle NORME esistenti a favore delle categorie più deboli, quali gli anziani, che hanno diritto alla Sanità, all’ Autodeterminazione, a Pensioni adeguate, alla Formazione permanente, all’ esercizio della Cittadinanza attiva.

Gli Stati devono recepire, ratificare e rispettare la Convenzione ONU e la Carta europea dei Diritti e in questa direzione occorre, però, il controllo dei cittadini e la loro attiva partecipazione all’ attuazione delle opportunità che esistono per la tutela e la valorizzazione delle persone diversamente giovani.

Il secondo giorno ( 7 Giugno) sono stati approvati il bilancio consuntivo 2017 e il bilancio preventivo per il 2018 e il 2019, dopo il Report presentato dalla Segretaria generale di Age Europe sulle attività svolte nel 2017/2018, con particolare riferimento a:

  • Successo riportato da Age nei confronti dell’ ONU, dove una delegazione di Age Platform Europe ha elaborato e fatto approvare l’ ultimo capitolo della Convenzione sui Diritti dei disabili e degli anziani;
  • Riconoscimento di Age Europe da parte dell’ OMS ( organizzazione mondiale della sanità) che ha inserito nel suo Programma le iniziative per la promozione dell’ Invecchiamento attivo proposte da Age anche per la tutela della ecosostenibilità ambientale, necessaria alla salute di bambini, giovani ed anziani;
  • Integrazione del cosiddetto “ Pilastro sociale”, proposto da Age per l’ accesso di tutti alla Sanità, nel Programma delle Azioni portate avanti dalla Commissione europea nell’ ambito del Semestre europeo sotto la Presidenza della Bulgaria ( in tal senso si era espressa la Vice- Ministra bulgara intervenuta la mattina del 6 Giugno alla Conferenza di Age Europe);
  • Promulgazione a livello comunitario della legge sulla “ accessibilità degli anziani e disabili a Beni e Servizi” proposta da Age Europe per facilitare la vita delle persone in difficoltà;
  • Inserimento del Programma presentato da Age alla Commissione europea nella cosiddetta “ Strategia europea 2020”;
  • Partecipazione di Age Platform Europe a sedici Progetti finanziati dalla U.E., per i quali si può consultare il Sito di Age Europe.

Su quest’ ultimo punto la delegazione italiana al termine della mattinata ha contattato Ileana Gheno, operatrice italiana, che collabora a Bruxelles con Age e che si è impegnata ad inviarci on-line informazioni con specifiche  Linee-guida per facilitare la partecipazione delle Organizzazioni e Associazioni di Age Italia ai Progetti europei.

Prima del termine dei lavori della mattinata del 7 Giugno, è stata bocciata dalla Assemblea la proposta di aumento della “quota “ per i Membri di Age Platform Europe. Dopo un acceso dibattito cui ha partecipato Age Italia, è stato ridimensionato detto incremento ed approvata stentatamente ( con la dovuta approvazione dei due terzi) la proposta di aumento del cinque per cento della quota per aderire ad Age Europe.

Nel pomeriggio della seconda giornata sui punti dell’ ordine del giorno n. 13                ( Quale futuro per l’ Europa e quale eredità culturale per le giovani generazioni) e n. 14 ( Adozione della Dichiarazione finale “ Manifesto di Age per le elezioni del 2019), la delegazione di Age Italia ha dato un forte contributo con gli interventi che erano stati programmati e concordati esplicitandoli nei DOCUMENTI,( elaborati in gruppo ed inviati, prima della Assemblea,  sia a Bruxelles, sia ai componenti di Age Italia) che sono stati illustrati all’ Assemblea.

In particolare, è stato proposto da Age Italia un NETWORK per favorire il confronto di idee, esperienze, leggi, iniziative presenti nei diversi Paesi europei in ordine a Strategie e Contenuti per favorire l’ Invecchiamento attivo e da potere convogliare anche a livello europeo.

La proposta ha fatto registrare molti consensi e adesioni che dovranno poi concretizzarsi  negli incontri da fare su tale tema con i rappresentanti delle Organizzazioni degli altri Paesi europei aderenti all’ iniziativa, apprezzata anche dai vertici di Age Europe.

La Dichiarazione finale con il Manifesto per le elezioni 2019, nella quale era stato inserito uno specifico paragrafo sulla Formazione permanente e sulla promozione dell’  Invecchiamento attivo, è stata approvata a stragrande maggioranza.

Giorno 8 Giugno si sono svolti i lavori di gruppo sui temi di :

isolamento sociale, incontinenza e cure per gli anziani non autonomi, abusi e discriminazioni finanziarie.

Age Italia ha preso parte attiva ai lavori di gruppo e nei tre giorni si è connotata per la coesione e il proficuo contributo dato alle attività dell’ Assemblea, come unanimemente riconosciuto.

Maria Ruffino Aprile