Unitre Narni: Progetto “Patto filosofico generazionale”

NARNI – Cosa sia la filosofia oggi è difficile dirlo. Sospesa tra le nuove sfide imposte dai tempi che corrono e il recupero dei tradizionali, irrisolti, interrogativi, essa è costretta a confrontarsi con un mondo che offre costanti motivi di riflessione. Ma se c’è qualcosa che la filosofia continua a fare con successo, è sicuramente stimolare l’analisi, il ragionamento, fornire gli strumenti e le premesse teoriche per la condivisione di saperi e visioni. Proprio su questi elementi si è sviluppato il “Patto filosofico generazionale per la città di Narni”, un progetto che ha coinvolto gli studenti delle classi quarte del Liceo Gandhi e quelli dell’Unitre narnese.

Si è trattato di un ciclo di appuntamenti a cadenza mensile, strutturati su due parti tra loro complementari, poiché finalizzati a fornire un quadro generale della filosofia antica, seme originario dell’evoluzione futura della disciplina. Inizialmente, una lezione tenuta da parte di esperti della materia, come docenti e studenti universitari; poi, le esposizioni degli studenti del liceo, divenuti per un giorno “professori”, chiamati a raccontare le loro conoscenze davanti a una platea gremita e attenta, e non all’interno delle pareti accoglienti e amiche della propria classe. Spettatori curiosi e interessati, gli studenti dell’Unitre hanno seguito con estrema vivacità intellettuale tutto il progetto, dimostrando voglia di apprendere, disquisire e arricchirsi.

L’attività, che si è svolta praticamente durante l’intero anno scolastico, ha permesso così a studenti giovani e meno giovani di confrontarsi su una molteplicità di temi e autori. La filosofia, nel corso delle “lezioni” è divenuta non il fine del progetto, piuttosto lo strumento per avvicinare generazioni apparentemente distanti. La parola come veicolo di suggestioni personali, l’approfondimento di sé e delle proprie aspettative future, la ricerca di un terreno comune a cui attingere hanno rappresentato il filo conduttore di un progetto che ha soddisfatto tutti, alunni e studenti.

“È stato entusiasmante – racconta a Cronache24 Antonio Fresa, presidente dell’Unitre Narni nonché docente di storia e filosofia al liceo narnese – veder partecipare anche gli alunni tendenzialmente più timidi e introversi. I ragazzi hanno cambiato ruolo, divenendo relatori per una volta, e questo li ha stimolati molto. Tra l’altro, questa tipologia di attività, che vede gli studenti nel ruolo di professori, è indicata come uno dei nuovi metodi di formazione anche dalle linee guida del Ministero”.

Allo stesso modo, pure gli studenti dell’Unitre hanno apprezzato l’iniziativa, in particolare perché ha permesso loro di confrontarsi con i giovani secondo una prospettiva inedita. “L’Unitre – continua Fresa – è composta da soggetti eterogenei, che non amano essere autoreferenziali, ma prediligono relazionarsi con gli altri in maniera dinamica”. Risultato? Discussioni e dibattiti coinvolgenti e stimolanti, che hanno smontato anche alcuni stereotipi relativi alle generazioni nate a cavallo del nuovo millennio, descritte in modo non sempre benevolo dai mezzi di comunicazione.

Gli incontri, che si sono svolti al teatro di Narni e alla biblioteca comunale di Amelia, hanno favorito la condivisione di pensieri e prospettive da parte di soggetti che hanno un passato alle spalle e uno sguardo sul futuro inevitabilmente diverso, non fosse altro per una questione anagrafica. Eppure, tutti hanno dimostrato di sentirsi parte di una stessa collettività all’interno del quale vogliono far sentire la loro voce: ognuno coi i suoi strumenti e il suo bagaglio maturato di esperienze. Il tutto entro una dimensione condivisa che valorizzi la loro appartenenza a una medesima comunità, la quale deve alimentarsi del contributo fornito da tutti i soggetti, al di là delle vite, dei desideri e dei rimpianti di ognuno.

L’idea è di riproporre anche il prossimo anno questo progetto, che ha evidentemente riscosso consensi e impressioni positive tra i partecipanti. Il programma è ovviamente ancora tutto da stilare ed è probabile che possa dirigersi verso nuovi orizzonti, non necessariamente filosofici. Del resto, oltre i temi affrontati, il profondo scopo del progetto è quello di siglare un vero e proprio “patto generazionale”. E questo travalica certamente i confini più o meno rigidi che una disciplina impone.

“Un signore che fa parte dell’Unitre – conclude Fresa – mi ha voluto ringraziare, ma non tanto per aver organizzato questo progetto, quanto piuttosto per avergli ridato speranza per il futuro. Ha usato proprio queste parole. Per me è stata una vera gioia, oltre che una grande soddisfazione”.

[Articolo di Lorenzo Di Anselmo tratto da “Cronache 24” del 29 maggio 2017]

 

UNITRE di Napoli – Vomero: Corso di Soft Skills Development

ridotta

L’obiettivo del corso, che si prefigura come un “master universitario”, è fornire un bagaglio di conoscenze e sviluppare competenze trans-disciplinari, basato sulle teorie della Programmazione Neuro Linguistica, a giovani che siano in procinto di laurearsi e/o a neo-laureati e/o a neo-impiegati il cui fattore comune è trovarsi a vivere l’impegnativa fase dell’inserimento efficace nel mondo del lavoro.

I Soft Skills, le Competenze Trans-Disciplinari (o trasversali), sono da intendersi come le abilità individuali indipendenti dalle competenze specifiche del settore di studi e/o lavoro in cui l’individuo si trova ad operare. I Soft Skills sono richiestissimi dalle Aziende del settore pubblico e privato i quanto veri e propri fattori di accelerazione dell’inserimento efficace nel mondo del lavoro,

Il set di conoscenze che cade sotto la definizione “Soft Skills” permette infatti di sviluppare e potenziare le caratteristiche individuali e di conseguenza di migliorare l’efficacia con cui il giovane può candidarsi a posizioni di lavoro, sostenere colloqui di lavoro, svolgere stages o periodi di apprendistato, consolidarsi nella posizione di lavoro di recente acquisita.

Durante il corso vengono approfonditi i seguenti temi:

Sviluppo delle capacità di Leadership
Come risolvere problemi
Come prendere decisioni efficaci
Comunicare efficacemente
La Comunicazione non-verbale
Come parlare in pubblico
Come organizzare il lavoro
Come lavorare in Team
Come gestire il Tempo
Come gestire un Progetto

Le lezioni si sviluppano in un quadrimestre con cadenza settimanale. Agli allievi viene rilasciato un Attestato di Frequenza che ha valore assoluto non essendo tali materie strutturalmente inserite nei programmi scolastici e/o universitari. Con il prossimo A.A. si avvierà la terza edizione del corso a cui partecipano annualmente una media di 25 allievi.

scarica la locandina del corso

scarica la scheda del corso

Messaggio del Presidente Nazionale per la chiusura dell’Anno Accademico 2016-17

Alla Presidente Onoraria Irma Maria Re,
ai Consiglieri Nazionali,
ai Presidenti delle UNITRE, ai Consigli Direttivi,
ai Docenti, agli Associati Studenti,
ai Volontari tutti.

Amiche e amici carissimi,

al termine di questo Anno Accademico rivolgo a Voi tutti un caldo saluto e un grazie di cuore per come Vi siete impegnati con generosità e spesso con spirito di sacrificio nella comune promozione dei nostri valori sociali e culturali.
Nelle Vostre Sedi state celebrando la chiusura dei Corsi e delle infinite varie attività con manifestazioni di alto livello che portano alla pubblica attenzione il nostro essere UNITRE, non solo all’interno delle aule e dei laboratori, ma nel cuore stesso di quella società che sempre con più attenzione ci guarda.
Consapevoli di ciò che siamo, misuriamo il nostro lecito orgoglio con la sempre necessaria umiltà e prudenza e nel breve intervallo estivo ritempriamo le forze per una nuova esaltante avventura.
Ringrazio per i tanti inviti a partecipare alle feste di chiusura: dove non posso essere di persona sarò con il cuore e con il pensiero; con gli amici del Comitato Esecutivo Nazionale dove è possibile ci dividiamo la presenza per manifestare in ogni modo l’affetto e il legame profondo che ci lega a Voi.
A tutti, e alle Vostre famiglie, i migliori auguri per serene e gioiose vacanze.

Saluti affettuosi

         Gustavo Cuccini
Presidente UNITRE Nazionale

Su il sipario!

E’ finalmente pronto il cartellone del Festival Teatrale che riunisce tutti gli spettacoli delle UNITRE dal Piemonte alla Sicilia: si tratta di un ricchissimo palinsesto di rappresentazioni a cui siete tutti invitati ad assistere: vi aspettiamo numerosi come sempre!

Stiamo provvedendo all’invio dei pieghevoli e degli attestati di merito alle Unitre partecipanti .

Qui potrete scaricare la locandina in formato pdf

locandina teatrale 2017