Messaggio del Presidente Nazionale Gustavo Cuccini per le prossime Festività

Alla Presidente Onoraria Irma Maria Re, Ai Consiglieri Nazionali, Ai Presidenti delle Articolazioni Territoriali e ai loro Direttivi, Ai Docenti, Ai Volontari, agli Associati UNITRE tutti

        Amici carissimi,

   nell’attesa delle prossime Festività rivolgo a Voi e alle Vostre famiglie i più affettuosi e sentiti auguri per un sereno Natale e per un felice e prospero Anno nuovo.

   Entrato nel terzo anno del mio mandato presidenziale, nel tempo che rimane prima del rinnovo delle cariche statutarie previsto entro il mese di novembre 2017, come deliberato dall’ultimo Consiglio Nazionale, mi appresto a vivere con grande intensità, insieme a tutti Voi,  con i Componenti l’Esecutivo e il Consiglio Nazionali, l’esperienza di Promozione sociale e culturale e il messaggio di educazione permanente e di umanissima socialità che la nostra Associazione dai luoghi dell’UNITRE porta all’esterno in un mondo che sempre con più attenzione ci guarda.

   A questo mondo, spesso dilaniato da insanabili contraddizioni e distratto dai reali bisogni dei più deboli, noi offriamo un volontariato generoso e entusiasta, e una proposta  di incontro e di dialogo nel segno della pace e della solidarietà.

   Molte Sedi porteranno, come di consuetudine in questi giorni di festa, una nota di gioia nei luoghi della sofferenza, ospedali, residenze protette e carceri. Altre organizzeranno momenti di beneficenza e sostegno ai bisognosi. A tutte va il grato riconoscimento e il sostegno morale dell’Associazione, per questo impegno sociale che cammina di pari passo con un’opera indefessa di formazione ad ampio spettro mirato alla cura della persona umana in tutta la sua globalità.

   Il Consiglio Nazionale del 25 novembre ha deliberato una serie di iniziative che coinvolgeranno nei prossimi mesi tutte le UNITRE e che Vi saranno quanto prima comunicate nei dettagli.

    Sono stati riconfermati, dopo l’ampio successo dell’anno trascorso, il Festival Teatrale Nazionale UNITRE; i vari Festival regionali e interregionali dei Cori, che vedranno un più attento coordinamento da parte dell’Associazione Nazionale; il Torneo Nazionale di Burraco,  rivisitato e ampliato. Tante altre iniziative sono state proposte, come Mostre collettive dei diversi laboratori, dalla pittura all’artigianato artistico e alla fotografia. Il progetto “Per ricordare” legato alle celebrazioni per il Centenario della Grande Guerra, si svilupperà sul territorio con manifestazioni  varie e convegni da meglio definire, secondo anche le proposte che fin da ora siete sollecitati a inviare alla Presidenza e all’Esecutivo di Corso Francia a Torino.

   I Consiglieri sono chiamati a svolgere un ruolo fondamentale di collegamento sul territorio, come del resto sempre è stato, per dare compiuta realizzazione alle direttive del Consiglio Nazionale. Avvieremo fin dal mese di gennaio i Coordinamenti regionali, con i primi impegni in Toscana e Sicilia. Questo prestando sempre grande attenzione ai contenuti della legge 106 di delega al Governo sulla riforma del Terzo settore, approvata dai due rami del Parlamento nel giugno 2016 e che meglio si definirà nella stesura prossima dei Decreti delegati applicativi, legge che riguarda direttamente la nostra Associazione.

   Prepariamoci quindi a programmare tutti insieme momenti di grande socialità umana e culturale e a portare le esperienze variegate delle Sedi locali su un piano di più vasta condivisione e coralità.

   Ora, nella pausa di riflessione e di quiete che le Festività imminenti ci concederanno, ritroviamo il sapore sano delle tradizioni e il piacere, religioso e laico, dello stare insieme con i nostri familiari e gli amici più cari, rinnovando antichi riti e abitudini che il tempo, ci auguriamo, non voglia mai disperdere.

   Il dono prezioso degli affetti più intimi ci aiuterà anche in questi giorni a non dimenticare i tanti che non potranno godere di uguale serenità, come le popolazioni terremotate di Abruzzo Lazio Marche e Umbria, i profughi senza patria, i giovani senza lavoro, gli abitanti di terre senza pace.

   Buon Natale a tutti, e un Anno nuovo ricco di gioia e di ogni bene.

             Gustavo Cuccini
Presidente Nazionale UNITRE

Orvieto: grande successo per la seconda edizione della Decade Kantiana

convegnoIl 1° dicembre di prima mattina la magnifica Sala dei Quattrocento del Palazzo del popolo di Orvieto era già affollata di studenti delle classi terminali degli istituti superiori della città. Ma sparsi qua e là, oltre ai docenti accanto alle loro classi, si potevano notare anche non pochi cittadini. Sala piena, allegra, colorata, e ordinata, divenuta subito attenta non appena l’incontro ha avuto inizio.

Al tavolo della presidenza, accanto al Presidente Unitre di Orvieto M° Riccardo Cambri e all’ideatore e coordinatore dell’evento prof. Franco Raimondo Barbabella, c’erano due relatori d’eccezione: il prof. Luciano Dottarelli, docente di Filosofia nelle scuole superiori della provincia di Viterbo e Presidente del Club Unesco Viterbo Tuscia, ed il prof. Massimo Donà, ordinario di Filosofia Teoretica presso la Facoltà di Filosofia dell’Università Vita-Salute San Raffaele di Milano.

Era l’incontro del secondo anno della “Decade kantiana” orvietana, e a quanto risulta italiana, proposta dal prof. Franco Raimondo Barbabella e accolta dal M° Riccardo Cambri e da Unitre in analogia con la “Kant Decade” lanciata in Germania dall’associazione degli ex parlamentari del Bundestag e dall’Accademia delle Scienze di Berlino per celebrare il trecentesimo anniversario della nascita di Immanuel Kant che cadrà appunto nel 2024.

La formula era la stessa dello scorso anno: su un tema attinente al pensiero di Immanuel Kant gli studenti delle classi terminali delle scuole superiori, sotto la guida dei loro docenti di filosofia, elaborano riflessioni e domande che poi presentano ai relatori tenendo anche conto delle lezioni che questi sono incaricati di svolgere sul tema scelto da una commissione.

Il Presidente nazionale Unitre, prof. Gustavo Cuccini, ha lodato l’iniziativa orvietana auspicandone la continuità e assicurando ad essa il sostegno suo personale e della stessa Unitre Nazionale.

leggi tutto →