Messaggio del Presidente Cuccini a tutte le Sedi

4 LOGO VERDE CON SCRITTA UNITREAmiche e amici carissimi,

il nuovo Anno Accademico 2015-2016 è ormai alle porte: rivolgo nell’occasione a tutti Voi un grato pensiero di affettuosa vicinanza nel momento in cui con  competente dedizione e  puro spirito di volontariato Vi apprestate a segnare le mete di un percorso teso a realizzare le nobili finalità dello Statuto che tutti avete condiviso nell’atto della Vostra associazione all’UNITRE.

Dovrete perdonare la mia insistenza, ma la fede che porto per i principi fondanti della nostra Associazione e l’ufficialità della carica che rivesto, mi spingono ad esortarVi ancora a tenere sempre presenti, nella programmazione delle Vostre attività accademiche, i concetti forti di educazione permanente e ricorrente, di apertura al territorio, al diverso e al volontariato sociale; e in particolare, Vi chiedo di alimentare il dialogo tra le generazioni, con gli strumenti di quella cultura viva e tarata sulla dimensione umana della persona che avete a disposizione.

L’epocale passaggio del 2006 ha segnato un traguardo, con il cambio, di sostanza e non formale, del nostro titolo: noi siamo UNITRE, Università delle Tre Età, aperti alle istanze di una società nella quale il dialogo intergenerazionale è l’unica ancora di salvezza per giovani e anziani troppo spesso emarginati e condannati alla solitudine esistenziale.

Apriamoci al sociale e portiamo la nostra idea progressista e dinamica di cultura in mezzo alla gente, tonifichiamo il quotidiano con il nostro progetto di vita positivo ed ispirato sempre ad un criterio di naturalità.

Nelle attuali emergenze dobbiamo offrire un contributo forte per favorire il controllato processo di integrazione fra sensibilità e tradizioni le più varie, porci come ponte di comunicazione e apertura al diverso.

L’Associazione Nazionale Vi è e Vi sarà costantemente vicina.

Stiamo completando la totale  riorganizzazione dei nostri strumenti di collegamento con le Articolazioni territoriali e gli organismi della società civile; abbiamo impiantato una complessa struttura mediatica su base digitale e modernizzato la Segreteria sì da offrirVi risposte e consulenze in tempi rapidissimi.

Il domani per noi è ormai già qui: ci prepariamo a raccogliere insieme  le sfide del futuro con la piena consapevolezza di quel valore aggiunto che l’UNITRE vanta  e che la contraddistingue nell’arcipelago confuso dell’associazionismo.

Ringrazio i Componenti l’Esecutivo Nazionale, per l’impegno spesso quotidiano; ringrazio i Consiglieri Nazionali, sempre più elemento prezioso di raccordo sul territorio ed espressione democratica della nostra vita associativa; ringrazio il personale della Segreteria Nazionale di corso Francia in Torino e i magnifici volontari, senza il  supporto e la competenza dei quali non potrei pienamente onorare l’incarico che ricopro nelle sue molteplici e diverse funzioni.

Ringrazio quanti di Voi mi hanno invitato, e mi inviteranno, a presenziare alle Cerimonie di apertura dei Corsi: farò di tutto per essere in mezzo a Voi, dove non mi sarà possibile,  sarò presente con il pensiero e con il cuore.

Vi abbraccio con fraterna amicizia, con l’augurio di conseguire per il nuovo Anno Accademico risultati sempre più ricchi di soddisfazione interiore, nell’armonia e nella gioia di un volontariato senza competizione, solidale e generoso.

Gustavo Cuccini
Presidente Nazionale UNITRE

Messaggio del Presidente Gustavo Cuccini ai Consiglieri Nazionali

4 LOGO VERDE CON SCRITTA UNITREAmiche e amici carissimi,

augurandomi che abbiate tutti trascorso serene e riposanti vacanze, Vi porgo i più affettuosi saluti.

Apprestiamoci ora concordemente ad affrontare questo nuovo Anno Accademico lavorando insieme, per continuare il percorso intrapreso di modernizzazione delle strutture organizzative della nostra Associazione e per progettare e realizzare iniziative condivise nel segno delle finalità indicate dal nostro Statuto.

Il senso di appartenenza ad un patrimonio comune di idee e di valori ci conferisce energia per raccogliere le sfide di una società sempre più variegata e difficile da interpretare nelle sue attese. Il raggio di azione delle UNITRE locali è vasto e articolato sulle specificità territoriali: costituiscono esse, le UNITRE, una sorta di sismografo sensibilissimo alle varianti sociali e culturali delle regioni che Voi, Consiglieri Nazionali, siete deputati a raccogliere e interpretare.

Il Vostro ruolo sarà ulteriormente tonificato dalle modifiche al Regolamento Nazionale che verrete chiamati ad esaminare e approvare nella seduta del Consiglio convocato, Ve lo anticipo, per il sabato 7 novembre a Torino, in occasione anche dell’Evento sul Cinema al quale siete tutti invitati e che si svolgerà al Museo del Cinema negli spazi magnifici della Mole Antonelliana.

Confido molto, come già Vi ho confessato, sulla Vostra capacità operativa e organizzativa e sull’entusiasmo che fin dall’inizio di questo nuovo triennio mi avete dimostrato: e soprattutto confido sulla Vostra umana vicinanza e il Vostro affetto, che finora sento non essermi mai mancati.

La perdita di Novella Campini, che rimpiangiamo tutti come amica, collega e Vice Presidente Vicario, oltre il dolore e la sua faticosa rielaborazione mi impone, ci impone, delicati passaggi istituzionali, per i quali io chiedo la Vostra comprensione e solidarietà: sì che io possa con serenità e operosa sollecitudine raggiungere nel tempo che mi rimane del mio mandato gli obiettivi di quel programma da Voi ampiamente condiviso all’atto della mia elezione.

Nella primavera del 2017 intendo riconsegnarVi una UNITRE consolidata nelle sue migliori tradizioni, ma più agile, moderna e duttile nel farsi interprete dei bisogni di una società articolata come non mai; una UNITRE perfettamente a suo agio nelle trame della comunicazione mediatica, capace di essere protagonista assoluta nelle prove che gli anni a venire sapranno e vorranno porre al nostro entusiastico modo di intendere e coniugare promozione sociale e volontariato.

Tutto è possibile, amici cari, con la Vostra solidarietà e la Vostra attiva partecipazione, come dimostrano i risultati già conseguiti dal nostro operare insieme nella prima parte di questo triennio.

Grazie di quello che avete fatto, che state facendo e che faremo insieme per i prossimi mesi.

Vi auguro di cuore un felice inizio per il nuovo Anno Accademico 2015-2016.

Con fraterna cordialità

Gustavo Cuccini
Presidente Nazionale UNITRE

Flash Book Mob

Flash Book Mob - Gustavo CucciniSi è tenuta il 25 agosto, nello splendido e suggestivo scenario del parco comunale di San Venanzo, trasformato per una sera in sala di lettura a cielo aperto, la prima edizione del Flash Book Mob. A organizzare l’evento, inserito all’interno della manifestazione “Agosto sanvenanzese” promossa dall’Amministrazione Comunale, la locale sezione UNITRE. Dopo i saluti iniziali del Sindaco di San Venanzo, Marsilio Marinelli, e del Presidente dell’Associazione Nazionale UNITRE, Gustavo Cuccini, si è entrati nel vivo della serata. Molte persone di tutte le età, ciascuna con il proprio libro preferito in mano, si sono ritrovate all’interno dell’antico giardino per condividere il piacere di scoprire storie e avventure che prendono forma dalla lettura ad alta voce.  Ricco e variegato il programma delle letture, che ha spaziato dai classici ad autori contemporanei: un vero e proprio tripudio di poesie e brani in prosa, alcuni composti dagli stessi lettori. Il tutto è stato arricchito dalla dolce armonia delle note di intermezzi musicali eseguiti dai giovani allievi della Banda di San Venanzo, magistralmente diretti dal Maestro Fabio Spaccino. Molto apprezzata, a conclusione dell’evento, anche la brillante esibizione del giovane repper folignate Deven, alias Daniele Corradini. Il carattere itinerante dell’evento, inoltre, ha permesso di conoscere angoli particolari del giardino comunale, illustrati da Lucio Fringuelli: la ex residenza dei conti Faina, ora sede del municipio, la torre e i resti dell’antica chiesa e del muro di cinta di epoca medievale. Il duplice obiettivo dell’iniziativa, infatti, come ha spiegato la coordinatrice dell’evento, Francesca Valentini, è stato di creare un’occasione sia per condividere pensieri ed emozioni suscitati dalla lettura sia per promuovere la conoscenza di angoli suggestivi dell’antico borgo di San Venanzo. L’armonia di parole e suoni che si è librata nell’aria ha reso davvero magica la serata, che si è arricchita anche dei sapori dell’ottima cucina presente negli stand gastronomici allestiti in occasione della “Festa dello Sport”, organizzata dalla locale Associazione Sportiva. Grande soddisfazione per l’ottima riuscita di questa prima edizione del flash book mob è stata espressa dalla Presidente dell’UNITRE di San Venanzo, Gina Ubaldini, che ha rivolto un sentito ringraziamento a tutti i partecipanti.